partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Marina Abramovic
The Cleaner
Massimiliano Alioto
Ghosts?
Il Cinquecento a Firenze
Tra Michelangelo, Pontormo e Giambologna
Gelatina dura
Storie nascoste degli anni '80
La Biennale di Venezia
Tutti gli appuntamenti del 2017
Ai Weiwei
Bilancio di Libero
Sandro Chia
I Guerrieri di Xi’an
Carlos Bunga
La Capella
La bestia e il sovrano
(La bestia y el soberano)
Pablo Atchugarry
Il divenire della forma

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  14/12/2018 - 16:04

 

  home>arte > mostre

Scanner - arte
 


Pedro Cano
Dall’orto mediterraneo
Uno dei maestri dell’acquarello della scena internazionale
Alla Galleria Falteri di Firenze da giovedì 30 settembre, ore 18.00 a sabato 30 ottobre 2004

 




                     di Giovanni Ballerini


Come nelle sue vedute di paese, traspare la poetica d’un artefice ch’è visceralmente legato al dato naturale – dice Antonio Natali, direttore del dipartimento dell’Arte Contemporanea della Galleria degli Uffizi – Cano, in virtù d’una valentia grafica inusuale, può secondare le sue aspirazioni mimetiche”.

Torna a esporre a Firenze, dopo oltre 30 anni il pittore neorealista spagnolo Pedro Cano, uno dei maestri dell’acquarello della scena internazionale. Cano ha scelto l’Italia come sua seconda patria, anche se la sua natura lo porta ad essere sempre in viaggio: nasce, infatti, nel 2003 a Blanca, sua terra natale, la personale intitolata dall’orto mediterraneo che sarà alla Galleria Falteri dal 30 settembre al 30 ottobre.

La mostra è stata, concepita espressamente per la Galleria Falteri, comprende 40 acquarelli su carta con fiori e frutti del Sud. Ritratti da Cano, melograni, limoni, rose acquistano un’anima nuova, una consistenza inedita, l’acquarello è concepito come un affresco, la carta diventa il muro da cui affiorano colori e forme, raccontando la luce e i sapori del mediterraneo. Un avvicinamento alla natura che Pedro Cano prende come una sfida scegliendo soggetti comuni e reinterpretandoli.

Artista ormai riconosciuto nel panorama artistico internazionale, a Cano il regista Giulio Berruti dedica un documentario. Pedro Cano. La mia voce vincitore della rassegna documentari sull’arte del Festival Palazzo Venezia. Pedro Cano è nato nell’agosto del 1944 a Blanca, una piccola cittadina della provincia spagnola di Murcia. Ha studiato prima all’Accademia San Fernando di Madrid e successivamente all’Accademia delle Belle Arti spagnola di Roma. Ha vissuto in Spagna, America Latina e Stati Uniti, ma risiede ad Anguillara, una piccola cittadina a 30 chilometri da Roma di cui è stato nominato cittadino onorario. Cano trasmette alle sue opere le sensazioni ricavate da luoghi e atmosfere. Ha esposto in tutto il mondo, curando anche le scenografie di alcune opere teatrali. E’ membro dell’Accademia Real di Belle Arti di Santa Maria Arrixaca ed è stato insignito dal re Juan Carlos dell’Encomienda de l’Orden de Isabella Cattolica.

Abbinato alla mostra: il Laboratorio nel verde (da venerdì 1 a lunedì 4 ottobre, ore 16/19.30) in cui il pittore dipingerà acquarelli dal vivo insieme ai partecipanti all’Orto Botanico “Giardino dei Semplici” di Firenze

(per informazioni e iscrizioni Galleria Falteri tel. 055 217740).

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner