partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Massimiliano Alioto
Ghosts?
Gelatina dura
Storie nascoste degli anni '80
La Biennale di Venezia
Tutti gli appuntamenti del 2017
Ai Weiwei
Bilancio di Libero
Sandro Chia
I Guerrieri di Xi’an
Carlos Bunga
La Capella
La bestia e il sovrano
(La bestia y el soberano)
Pablo Atchugarry
Il divenire della forma
La nostra storia inizia qui
The Immaterial Legacy
Pontormo e Rosso Fiorentino
Divergenti vie della maniera

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  16/12/2017 - 12:08

 

  home>arte > mostre

Scanner - arte
 


Carlos Bunga
La Capella
Tre opere che sono concepite appositamente per lo spazio e da cui la mostra prende il titolo. Curatore: Bartomeu Marí
Dal 29 ottobre 2015 al 7 febbraio il 2016 al MACBA la prima mostra a Barcellona dell'artista portoghese

 




                     di Giovanni Ballerini


La prima mostra a Barcellona dell'artista portoghese Carlos Bunga (Oporto, 1976) viene ospitata dal MACBA dal 29 ottobre 2015 al 7 febbraio il 2016. L’artista portoghese ha trasformato la Capella MACBA, con i suoi caratteristici materiali (cartone, vernice e nastro adesivo), in un trittico di opere concepite appositamente per lo spazio e da cui la mostra prende il titolo (Capella, appunto).
Come di consueto, Carlos Bunga rende interventi scultorei in relazione diretta con uno spazio particolare. La funzione originale di questo luogo, la suo successiva sconsacrazione e la sua posizione nel contesto urbano sono gli elementi di partenza da cui l'artista ha realizzato questa installazione.
Come d’abitudine, le opere di Bunga mettono in un certo senso in discussione alcuni principi di architettura moderna, in particolare quando considera la funzione come l'origine della forma. Le sue installazioni si riferiscono a un contesto preesistente. Bunga non prevede i suoi interventi alla maniera di un architetto. Il suo metodo si sviluppa infatti durante il processo di costruzione, mentre i suoi disegni e schizzi, invece di precederlo, derivano dall'esecuzione del lavoro: in questo caso tre opere e uno spazio lettura. Entrando nello spazio espositivo incontriamo Espacio invisibile (spazio invisibile), dove due monitor mostrano immagini di un luogo esistente, concreto, ma inaccessibile. Non sappiamo esattamente dove si trova e come raggiungerlo, è come se fossimo diventati osservatori di atti segreti. Capella, una costruzione di cartone, vernice e nastro adesivo, occupa la navata centrale della Capella MACBA è come se fosse stata realizzata per fare da contrappunto costruttivo alla pietra, materiale essenziale del monumento. Questo anti-monumento critica l'immobilità del permanente e celebra la necessità di ricostruire continuamente l'importanza dei nostri ambienti fisici e immateriali. Intento de conservación (Tentativo di conservazione) è il titolo dell'intervento di Bunga nella zona rinascimentale della Cappella, che una volta era parte del Convento dels Àngels complesso. È un inserimento o graft quasi-pittorica sulla parete museografica di questo spazio.
Ad accompagnare la mostra, una zona lettura è stata creata nello spazio Forum dove è possibile consultare libri e cataloghi su Carlos Bunga, così come altri artisti e discipline che hanno influenzato i suoi ambienti work intangible. Attualmente i lavori di Bunga vengono esposti in musei e mostre apertamente dedicate all'architettura, come il Chicago Architecture Biennale. Ma Bunga si sente più vicino alla tradizione degli anarchitects. Utilizzando la metafora della tradizione popolare catalana di castelli, delle torri umane, Bunga solleva anche un dibattito sulla natura attuale dello spazio pubblico, le sue trasformazioni, il suo declino, la sua assenza e il suo recupero. I castells sono una perfetta espressione di architettura effimera, sostenuto dalla fragilità dei corpi che agiscono insieme. Come espressione del nostro bisogno per l'altro, formano una metafora sociale che oscilla tra la concorrenza e di festa, la festa.

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner