partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Loren D.Estleman
I pericoli di Sherlock Holmes
Stefano Di Marino
Mosaico a tessere di sangue
Umberto Lenzi
Il clan dei miserabili
P.G. Sturges
La scorciatoia
Brian McGilloway
Terra di confine
Andrea Camilleri
Una voce di notte
Piergiorgio Pulixi
Una brutta storia
Marco Malvaldi
Odore di chiuso
Andrea Camilleri
Il gioco degli specchi
Derek Raymond
Il museo dell’inferno

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  18/01/2018 - 14:59

 

  home>libri > gialli

Scanner - libri
 


Andrea Camilleri
Una voce di notte
Nella casa del Commissario Montalbano a Vigàta
Palermo, Sellerio, 2012; pp. 269

 




                     di Paolo Boschi


Ormai è un narratore instancabile, Andrea Camilleri da Porto Empedocle, classe 1925, capace di allietare i molti estimatori del commissario (letterario) più famoso d’Italia a più riprese nel corso dello stesso anno solare – e ricordiamo che nel 2012 lo scrittore siciliano ha pubblicato anche le raccolte di racconti Il diavolo, certamente e La regina di Pomerania e altre storie di Vigàta, oltre ad un libro atipico come Dentro il labirinto –. Così, dopo l’immancabile giallo estivo, Una lama di luce, è di recente approdato sugli scaffali delle librerie anche Una voce di notte, l’ultima fatica (del 2012) di Camilleri della serie (scritta però anni addietro, precisa la nota conclusiva), che prende avvio di primo mattino, alle sei e mezza, nella casa del Commissario Montalbano a Vigàta, un pezzo di Sicilia inventata, si sa, più realistica di quella vera. Gli anni passano anche per il protagonista, che all’inizio della storia è parecchio “nirbùso” per le cinquantotto primavere che ormai incombono sulla sua testa. A sottrarlo a siffatte ansie senili arriva puntuale un caso poliziesco apparentemente molto banale: in un supermercato di Vigàta è stato sottratto un incasso insolitamente corposo e senza segni di effrazione. Comprensibile che il direttore Borsellino sia un po’ stordito per l’accaduto, che non sa spiegare ad Augello e Montalbano, che annusano subito l’odore della paura nell’aria. Curiosamente il giorno dopo Borsellino viene ritrovato cadavere, impiccato nel suo ufficio: sarà un suicidio? Secondo il burbero Dottor Pasquano la faccenda è dubbia. E a Montalbano pare ambiguo anche il furto e viene da chiedersi cosa intendesse nascondere il direttore. Le cose, poi, si complicano quando in un appartamento di Vigàta viene ritrovata morta una ragazza, uccisa a coltellate: il fattaccio di sangue è stato denunziato dal di lei convivente, Giovanni Strangio, che però sembra in possesso di un alibi a prova di bomba. Tangenzialmente i due crimini lambiscono i nomi di due pezzi da novanta del posto: l’onorevole Mongibello infatti siede nel CdA dell’impresa proprietaria del supermercato (facente capo alla famiglia mafiosa dei Cuffaro attraverso una rete di prestanome), mentre il padre di Giovanni, Michele Strangio, è addirittura il presidente della provincia (ovviamente immaginaria) di Montelusa. Come spesso accade nelle indagini di Montalbano, anche stavolta i fili narrativi sono due, a volte corrono paralleli, altre s’incrociano per poi magari separarsi e intrecciarsi di nuovo in seguito. Stavolta però il gioco si fa più duro del solito per il maturo protagonista: la reticenza dei superiori, un giudice che la vede diversamente da lui, l’ostilità dell’opinione pubblica faziosamente orchestrata dall’emittente locale TeleVigàta sono elementi che lo inducono a mettersi in gioco in prima persona lasciando da parte perfino la voce della sua coscienza, fino al momento in cui il quadro sarà completo e la soluzione, anche se scomoda, desterà il nostro commissario come la voce di notte del titolo. L’ennesimo giallo intrigante e gradevole cui Camilleri ha abituato il gentil pubblico: difficile prescinderne…

Andrea Camilleri, Una voce di notte, Palermo, Sellerio, 2012; pp. 269

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner