partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Venezia 75
Un festival rinvigorito e accattivante
Cannes 2018
Settantunesima edizione
Far East Film 20
I vent’anni di un grande festival
68° Berlinale
Un festival mastodontico
35° Torino Film Festival
Un festival che ha ancora la forza di rigenerarsi
12° Festa del Cinema di Roma
Un contenitore di tante proposte cinematografiche
Venezia 74
Il coraggio di un rilancio reale
Cannes70
Il Gran ballo del Cinema Internazionale
Far East Film 19
Un evento unico nel suo genere
67° Berlinale
67th Berlin International Film Festival

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  24/09/2018 - 09:57

 

  home>cinema > festival

Scanner - cinema
 


Venezia 70
La crisi si supera con le 70 candeline
Direttore Alberto Barbera, madrina l’attrice top model Eva Riccobono
Dal 28 agosto all'7 settembre 2013 al Lido di Venezia

 




                     di Matteo Merli


Presentazione Biennale Cinema 2013
Perle dalla 70° Mostra – prima parte
Perle dalla 70° Mostra – seconda parte
Sacro GRA Il leone d’oro più indipendente


Se Locarno si propone come un festival dinamico, autoriale ma con una componente organizzativa efficiente, Venezia per questa settantesima edizione cerca un ispirazione ritrovata e Alberto Barbera cerca di coniugare il cinema d’autore classico, con giovani emergenti (come anche la madrina di questa edizione Eva Riccobono) e il ritrovato consenso verso la forma del documentario. Se le difficoltà economiche colpiscono anche il festival, che deve attuare nel tempo delle risistemazioni strutturali, per cercare di essere maggiormente accogliente e attrattivo, dall’altro il direttore cerca di dare spessore al film market e punta alla forza di un concorso composto da 20 opere accattivanti. Da una parte c’è il grande ritorno di Hayao Miyazaki con l’atteso Kaze Tachinu, ma c’è grande trepidazione per The zero theorem di Gilliam, Under the skin di Jonathan Glazer e Joe di David Gordon Green. Due sono i documentari in competizione: The unknown known: the life and times of Donald Rumsfeld e Sacro GRA: il primo è diretto da Erroll Morris e racconta l’ex segretario alla Difesa statunitense e il secondo da Gianfranco Rosi, che ha vissuto per lungo tempo ai margini del raccordo Anulare di Roma per poterlo descrivere. Oltre a Rosi, l’Italia risponde con L’intrepido di Amelio e l’esordio dietro la macchina da presa della regista teatrale Emma Dante con Via Castellana Bandiera. Possibili sorprese il nuovo Tsai Ming-Liang con Stray dogs, un film testamentario che è la summa poetica del regista taiwanese, poi sarà molto forte Die frau des polizisten del tedesco Gronig; occhio anche agli sguardi obliqui di Kelly Reichardt con Night moves e Child of god dell’eclettico James Franco. Possibili sorprese Miss Violence del greco Alexandros Avranas e Tom à la ferme di Xavier Dolan, che già alcuni addetti ai lavori danno per favorito per la competizione ufficiale. Orizzonti diventa una sezione meno sperimentale, per mischiare opere estreme a opere di esordienti. Da una parte c’è la nipote di Francis, Gia Coppola che adatta Palo Alto di Franco, Dall’altro l’horror di Ti West, la pazza follia visiva di Sion Sono e Eastern boys di Robin Campillo. Fuori Concorso una selva di titoli, dal film di apertura Gravity al Capitan Harlock di Aramaki a Moebius di Kim Ki-Duk. Grande vitalità anche nelle sezioni della Settimana della critica e nelle Giornate degli autori, che presentano titoli stimolanti e coraggiosi. Da tenere d’occhio anche Venezia Classici, dove ci sono opere di grandi maestri e film imperdibili da non lasciarsi sfuggire. Un festival che cerca una nuova fisionomia, alla ricerca di nuovi autori da plasmare e lanciare per soddisfare i palati dei cinefili più esigenti.

Voto 7 ½ 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner