partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Orlando, my political biography
Regia di Paul B. Preciado
Full Time
Regia di Eric Gravel
A white white day
Un film di Hlynur Pàlmason
Minari
Di Lee Isaac Chung
Tutti pazzi per Yves
Regia di Benoît Forgeard
Lacci
Regia di Daniele Lucchetti
Roubaix, une lumière
Regia di Arnaud Desplechin
Parasite
Di Bong Joon-Ho
Il lago delle oche selvatiche
di Yi’nan Diao
Memories of Murder
Regia di Bob Joon-Ho

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  25/04/2024 - 13:32

 

  home>cinema > film

Scanner - cinema
 


K-PAX
Regia di Iain Softley
Cast: Kevin Spacey, Jeff Bridges, Mary McCormack, Alfre Woodard; drammatico; Usa; 2001; C.
Il suo nome è Prot: un alieno da premio Oscar

 




                     di Paolo Boschi


Si chiama Prot, soltanto Prot, e sostiene di essere un alieno proveniente da K-PAX, un pianeta distante un migliaio di anni luce dalla Terra, nei pressi della costellazione della Lira. Segni particolari? Nessuno, a parte gli immancabili occhiali da sole (la Terra è molto luminosa, mentre K-PAX è avvolto in un perpetuo crepuscolo) ed il trascurabile dettaglio che il sedicente alieno è stato ricoverato in un ospedale psichiatrico di Manhattan. Che si tratti di un alieno o di un alienato dovrà cercare di stabilirlo il Dr. Mark Powell, lo psichiatra alle cui cure Prot è stato affidato. K-PAX procede con il serrato ciclo di incontri tra i due protagonisti, che contrappone il buon senso di uno stimato professionista alle affermazioni, spesso veridiche e sensate, di quello che sembra il più classico dei casi clinici. Esternamente infatti Prot pare un normalissimo essere umano, per quanto preferisca mangiare le banane con tutta la buccia: sostiene però di essere in grado di viaggiare a velocità superiore a quella della luce, di essere arrivato sul nostro pianeta per svolgere un'inchiesta e di esserci stato altre volte in passato, dimostra conoscenze in grado di mettere in crisi i migliori astrofisici ed anticipa al suo interlocutore che la data della sua partenza è già da tempo fissata al prossimo 27 luglio ad un orario ben preciso ("Se vuole scusarmi, dottore, c'è un raggio di luce che mi aspetta"). A parte i numerosi dettagli sul pianeta d'origine, Prot riesce impalpabilmente a risolvere, grazie ai segreti di una scienza aliena e molto più sviluppata della nostra (la Terra è infatti un pianeta di classe BA-3, al primo stadio d'evoluzione, dall'incerto futuro), i problemi mentali dei suoi compagni di reparto. Semplice suggestione? Un esempio di idiot savant? La ragionevolezza non induce a ritenere possibile che si tratti veramente di un alieno. Grazie all'ipnosi il Dr. Powell riuscirà a scoprire l'evento traumatico che ha costretto Prot ad inventarsi un'identità irreale ma, nonostante il realistico finale consolatorio, il dubbio sull'uomo venuto da K-PAX è destinato a restar tale. Iain Softley, già regista di Hackers e Le ali dell'amore, ha traslato sul grande schermo un romanzo di Gene Brewer, affidandosi per la resa estetica del plot all'ottima fotografia di John Mathison che, giocando sugli effetti della luce, è riuscito a creare un'atmosfera di mistero che permea tutto il film, incentrato chiaramente sul confronto intellettuale e psicologico tra i due protagonisti, interpretati dal solito immenso Kevin Spacey e da un Jeff Bridges in parte. Una storia atipica quanto originale, felicemente sospesa tra commedia e dramma.

K-PAX, regia di Iain Softley, con Kevin Spacey, Jeff Bridges, Mary McCormack, Alfre Woodard; drammatico; Usa; 2001; C.; dur. 1h e 50'

Voto 7½ 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner