partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


La forma dell'acqua
Regia di Guillermo del Toro
IT
Regia di Andres Muschietti
Blade Runner 2049
Regia di Denis Villeneuve
War Dogs
Regia di Todd Phillips
Moonlight
Regia di Barry Jenkins
La La Land
Regia di Damien Chazelle
Lo chiamavano Jeeg Robot
Di Gabriele Mainetti
Suspiria
Di Dario Argento
Veloce come il vento
Regia di Matteo Rovere
Fuocoammare
Di Gianfranco Rosi

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  21/11/2018 - 07:37

 

  home>cinema > film

Scanner - cinema
 


La forma dell'acqua
Regia di Guillermo del Toro
Un azzeccato film sulla diversità, sulla guerra fredda, sulla fantasia in amore e sulla contemporaneità senza fantasia
The Shape of Water: durata 119 minuti. Con Sally Hawkins, Octavia Spencer, Michael Shannon, Richard Jenkins, Doug Jones e Michael Stuhlbarg. Uscita USA 08.12.2017 – in Italia 14.02.2018. Produzione Fox Searchlight Pictures, distribuzione 20th Century Fox

 




                     di Giovanni Ballerini


Ha un fascino particolare, piacevolmente noir, uno svolgimento sognante, che intriga e incuriosisce The Shape of Water di Guillermo del Toro. Anche se in qualche modo rinverdisce i miti di la Sirenetta , il plot di questa moderna fiaba liquida, che si svolge nel centro di ricerche aerospaziali Occam a Baltimora nel 1962, ha infatti quel qualcosa in più capace di convincere e stregare lo spettatore. Questo qualcosa in più fa venire in mente da una parte un déjà-vu (nel senso della strana sensazione che si prova quando accade, non certo perché propone qualcosa di già visto, perché non è così) dall’altra seguendo questo film in cui l’immagine è dominata dai toni del verde, dell’azzurro e del nero, il pensiero va alla contemporaneità decisamente rissosa e ruvida dei nostri tempi, che strizza di nuovo e incomprensibilmente l’occhio alla guerra fredda, che sembrava (o abbiamo dato forse troppo in fretta per) morta e sepolta. La forma dell'acqua è anche un azzeccato film sulla diversità - quella del mutismo della giovane addetta alle pulizie Eliza Esposito (ben interpretata da Sally Hawkins ), ma anche le difficoltà a far valere i propri diritti (nel matrimonio e non) della sua collega afroamericana Zelda ( Octavia Spencer ), nonché l’omosessualità e le difficoltà nell’ambito lavorativo del vicino di casa Giles (Richard Jenkins) - in un mondo di belve (gli umani, non quella acquatica) sotto mentite spoglie. La trama è semplice, ma induce molte riflessioni. C’è insomma del fantastico e del vissuto in questo bel film diretto da Guillermo del Toro , che al centro di tutto ha messo una storia d'amore, la middle class americana, gli anni Sessanta, gli Stati Uniti, la Russia e i primi anni della Guerra Fredda. Ingredienti che hanno colpito nel segno, visto che il film ha ottenuto 13 candidature e vinto 4 Premi Oscar (Miglior Film e Miglior Regia, Miglior Scenografia a Paul D. Austerberry, Shane Vieau, Jeffrey A. Melvin, Miglior Colonna Sonora ad Alexander Desplait per The Shape of Water). Il film è stato poi premiato al Festival di Venezia, 5 candidature e ha vinto 2 Golden Globes, ha ottenuto 12 candidature e vinto 3 BAFTA. Bravi e intensi un po’ tutti gli attori, in primis la Hawkins, l’attrice inglese che ricorderete in Blue Jasmine di Woody Allen, nel film sfoggia uno sguardo e un sorriso malinconico che convince immancabilmente i suoi due amici – compagni di avventure, ma anche al pubblico in sala.

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner