partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Torino Film Festival
Quarantesima edizione
Festival del cinema di Roma
17°edizione
Venezia 79
Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica
Cannes 2022
Settantacinquesima edizione
Far East Film 24
In presenza per la primavera
Il Florence Korea Film Fest
Compie 20 anni
72° Berlinale
In presenza tra mille difficoltà
River to River 21
Florence Indian Film Festival
Torino Film Festival 39
Si ritorna in presenza
Festival dei Popoli
La rivincita del documentario

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  29/11/2022 - 08:55

 

  home>cinema > festival

Scanner - cinema
 


72° Berlinale
In presenza tra mille difficoltà
Per l’Italia è il ritorno in concorso di Paolo Taviani il fatto più importante
Dal 10 al 20 febbraio 2022 a Berlino

 




                     di Matteo Merli


Il 72° Festival del cinema di Berlino ridefinisce i suoi spazi e le modalità di svolgimento delle proiezioni dal vivo ancora condizionate dall’emergenza sanitaria. Se il Market rimane relegato online, la Berlinale sarà in presenza e nella sua consueta collocazione invernale con la direzione esecutiva di Mariette Rissenbeek e quella artistica di Carlo Chatrian. Il Concorso verrà aperto da Peter Von Kant del sempre prolifico François Ozon, con Isabelle Adjani, che ha riletto il classico fassbinderiano Le lacrime amare di Petra von Kant (1972), e annovera altre produzioni d’oltralpe quali Avec amour et acharnement di Claire Denis con Juliette Binoche e Vincent Lindon, La ligne di Ursula Meier con Valeria Bruni Tedeschi, Les passages de la nuit di Mikhaël Hers con Charlotte Gainsbourg ed Emmanuelle Béart. Franco-cambogiano è invece l’animazione in plastilina Everything Will Be Ok di Rithy Panh, non manca neanche quest’anno un nuovo Hong Sangsoo, dal titolo internazionale The novelist’s, mentre Rabiye Kurnaz gegen George W. Bush di Andreas Dresen e Rimini dell’austriaco Ulrich Seidl sono i più attesi nelle file tedesche. Il solo statunitense in competizione è Call Jane di Phyllis Nagy, passato in anteprima al Sundance, storia ambientata negli anni ’60 con protagonisti gruppi di difesa del diritto all’aborto, Elizabeth Banks, Sigourney Weaver e Kate Mara. L’Italia è presente nel Concorso principale grazie a Leonora addio di Paolo Taviani, ispirato liberamente a una novella di Pirandello e al destino delle sue ceneri e firmato per la prima volta da Paolo senza il fratello Vittorio, scomparso nel 2018 e con il quale aveva vinto l’Orso d’Oro per Cesare deve morire (2012). La sezione Forum, si fa in tre poiché alle opere che tendono verso l’espansione dei confini tra cinema e videoarte si dedica Forum Expanded mentre Forum Special è un dossier storico con film tratti da passate edizioni o comunque scelti per dedicare un percorso ad autorialità e rappresentazioni di una Germania deterritorializzata con opere di Hito Steyerl, Grada Kilomba, Raoul Peck, Med Hondo. Nel fuori concorso di Special Gala si potrà vedere il ritorno di Dario Argento dietro la macchina da presa e della figlia Asia come sua interprete in Occhiali Neri, girato nel quartiere cinese di Roma con Ilenia Pastorelli. Ben tre le opere italiane selezionate in Panorama: Calcinculo di Chiara Bellosi, il cui esordio nel cinema di finzione (Palazzo di giustizia) era già a Berlino lo scorso anno, sviluppa qui con Andrea Carpenzano e Gaia Di Pietro una sceneggiatura premiata al Solinas; Nel mio nome di Nicolò Bassetti, documentario su quattro ragazzi trans con la co-produzione della star transgender Elliot Page; e Una femmina di Francesco Costabile, ispirato a un’inchiesta del giornalista Lirio Abbate sulle donne e l’ndrangheta calabrese. In Panorama si segnala, inoltre, il ritorno dietro la macchina da presa di Alain Guiraudie che aprirà la sezione con il molto atteso Viens, je t’emmène, triangolo amoroso tragicomico tra reietti sullo sfondo di una Francia post-attentati, tra islamofobia, crisi economica e ideologia auto-imprenditoriale. L’Orso d’oro alla carriera va quest’anno a Isabelle Huppert. L’attrice francese sarà celebrata dalla proiezione di una scelta dei suoi ruoli più rappresentativi a cura della Deutsche Kinemathek. È invece dedicata ad alcune delle dive hollywoodiane più notevoli degli anni Trenta e Quaranta la retrospettiva No Angels. Mae West, Rosalind Russell & Carole Lombard con numerosi restauri digitali. Molti ancora i nomi degni di attenzione sparsi fuori concorso: dal corto pandemico Terminal norte di Lucrecia Martel a This Much I Know to Be True, ritratto che Andrew Dominik ha dedicato a Nick Cave durante l’isolamento, fino a Incroyable mais vrai dell’imprevdibile Quentin Dupieux. Sale a capienza limitata, controlli a tappeto e sicuramente file lunghe per accedere agli spazi del festival: in questa fase ancora le costrizioni per arginare la diffusione del virus si fanno sentire, ma speriamo che la voglia di cinema e di condivisione, siano la forza che spingano tanti appassionati ad affollare le sale della Berlinale, cosa che purtroppo non sta avvenndo nella nostra penisola, dove i cinema sono poco frequentati, abbandonati a se stessi, e non sostenuti da un settore dormiente e pigro nel dare le sue dovute risposte.

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner