partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Venezia 74
Il coraggio di un rilancio reale
Cannes70
Il Gran ballo del Cinema Internazionale
Far East Film 19
Un evento unico nel suo genere
67° Berlinale
67th Berlin International Film Festival
34° Torino Film Festival
Inaugurazione con Jasmine Trinca
11° Festa del Cinema di Roma
Un'edizione con il segno piů
Venezia 73
Un grande rilancio
Cannes 69
Una macchina festival gigante e ipertrofica
66° Berlinale
Un festival dal grande respiro europeo
Volare! Italian Film Festival
Otto i titoli in programma

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  20/10/2017 - 12:48

 

  home>cinema > festival

Scanner - cinema
 


67° Berlinale
67th Berlin International Film Festival
Un festival cittadino dalle grandi dimensioni e prospettive
Dal 9 al 19 febbraio 2017 a Berlino

 




                     di Matteo Merli


Come sanno bene i cinefili, ogni inizio anno si attende con trepidazione gli annunci del cartellone della Berlinale. La Germania, come ovvio che sia, è la rappresentante in pectore della manifestazione con ben 9 titoli in concorso finanziati da capitali tedeschi. Si va dal documentario di Andres Veiel su Joseph Beuys la coproduzione tedesco-norvegese di Thomas Arslan, un roadmovie familiare intitolato Helle Nächte (Notti chiare), due registi di mezza età (Veiel ha 58 anni, Arslan ne ha 55 anni), cui viene ad aggiungersi il settantottenne Volker Schlöndorff che si cimenta nell’ennesima trasposizione letteraria, tornando per la seconda volta a trarre un film da un’opera dell’amico Max Frisch, stavolta con Return to Montauk, con Stellan Skarsgard, Niels Arestrup e Nina Hoss.
Altri titoli in gara, sono: il cileno Sebastián Lelio che con la storia di una transgenderintitolata Una mujer fantastica, sarà senz’altro fra i favoriti all’Orso d’oro, il regista rumeno di origine tedesca Călin Peter Netzer con una coproduzione rumeno-franco-tedesca intitolata Ana, mon amour. Da non dimenticare Félicité del regista senegalese Alain Gomis, che nel 2012 aveva presentato Aujourd’hui poi candidato all’Oscar per il Senegal; inoltre c’è Agnieszka Holland che presenta Spoor e Aki Kaurismäki con The Other Side of Hope, film utopico su una comunità solidale fra un anziano finlandese e un profugo siriano e per finire l’habitué giapponese Sabu con il thriller rivisitato Mr. Long. Da tenere d’occhio il promettente The Dinner del regista Oren Moverman e Hong Sangsoo con il film intitolato On the Beach at Night Alone. Attesa anche per il ritorno di Alex de la Iglesia con El Bar.
Occhio alle sorprese: l’esordio di Josef Hader, straordinario cabarettista austriaco, attore di cinema e di teatro purtroppo sconosciuto in Italia, con Wilde Maus (Topo selvaggio). Quindi, il film della sessantaduenne regista ungherese Ildikó Enyedi, intitolato On Body and Soul e per concludere il film del cinquantacinquenne regista brasiliano Marcelo Gomes, intitolato Joaquim, una coproduzione brasiliano-portoghese ambientata fra i contrabbandieri dell’oro nel diciottesimo secolo. Interessante la retrospettiva dedicata ai film di fantascienza da 1984 a Alien, da Blade Runner a Il Quinto Elemento da Incontri ravvicinati del terzo tipo a L’invasione degli ultracorpi più molti altri film antichi e meno noti. L’unica pellicola italiana presente a Berlino è quella di Luca Guadagnino, Call me by your name, presente nella sezione Panorama, con la sceneggiatura scritta dal regista assieme a James Ivory. Da menzionare anche la sezione Forum, piena zeppa di pellicole stimolanti e di registi promettenti. Un festival cittadino dalle grandi dimensioni e prospettive, che nelle sue proposte non delude mai.

Voto 7 ˝ 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner