partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Le muse inquiete
La Biennale di fronte alla storia
Arte Fiera
44a edizione
La Biennale di Venezia 58
May you live in interesting times
Luca Pignatelli
Senza Data
Freespace
Biennale di Venezia
MADI. The Other Geometry
A cura di Cristina Costanzo
Viva arte Viva
Biennale Arte 2017
I Leoni d’oro alla carriera
La Biennale di Venezia 2016
Biennale di Venezia
All the World’s Futures
Arte Fiera 2015
Trentanovesima edizione

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  04/03/2021 - 10:37

 

  home>arte > eventi

Scanner - arte
 


I Borgia - L'Arte del Potere
Una raccolta di opere appartenenti ai più grandi Mecenati della storia
Un viaggio nel passato
A Roma, Palazzo Ruspoli fino al 23/02/2003

 




                     di Daniela Trincia


Spesso il mito, piuttosto che la valenza storica, ha incorniciato le vicende di una tra le famiglie più importanti e prestigiose del Cinquecento: i Borgia.

Di origine spagnola, il casato s’impone sul panorama europeo nel fatale 1492, allorquando Rodrigo Borgia sale sul soglio pontificio col nome di Alessandro VI: carica ambita da tutte le nobili famiglie, garanzia indiscussa per occupare il gradino più alto sul podio sociale. E’ il secolo delle grandi conquiste geografiche: Cristoforo Colombo “scopre” l’America; di grandi lutti: muore Lorenzo il Magnifico; dell’Inquisizione e della relativa cacciata degli Ebrei da Granada, di elevato fermento scientifico e artistico. Il loro nome non poteva perciò non legarsi ad episodi di portata storica fondamentale o a committenze di palazzi, chiese e monumenti prestigiosi.

E’ a questa famiglia che il Palazzo Ruspoli dedica una grande mostra, aperta fino al 23 febbraio 2003, con l’intento di far rivivere l’atmosfera che allora aleggiava e di contestualizzare storicamente quei personaggi che hanno caratterizzato in modo incisivo quegli anni: soprattutto uno sforzo storico ha guidato l’allestimento della mostra, sforzo che si è mosso però a trecentosessanta gradi, cercando di analizzare ogni aspetto della quotidianità, storico-culturale-economico-religiosa, della famiglia totalmente inserita e calata nell’epoca storica che ha vissuto e guidato. Non a caso una delle fonti più importanti che riguarda i Borgia Palazzo Ruspoliè il celeberrimo trattato di Nicolò Machiavelli “Il Principe”, del 1513.

Curata da Learco Andalò, Eduardo Mira e Carla Alfano, è promossa da importanti enti, quali il Ministerio de Educacion Cultura y Deporte, il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, l’Ambasciata di Spagna, l’Accademia di Spagna, la Soprintendenza Speciale per il Polo Museale Romano ed il Consiglio d’Europa.

Per raggiungere un traguardo di così ampio respiro e portata la mostra si avvale di prestiti di notevoli opere da parte di numerosi musei italiani, spagnoli, portoghesi, inglesi, belgi, austriaci e francesi, che hanno permesso l’arrivo a nel Palazzo di opere di Botticelli, Pinturicchio, Antoniazzo Romano, per citare alcuni autori.

Divisa in nove sezioni, prende avvio proprio dall’inquadramento storico-geografico-politico della famiglia, per continuare con l’attività di papa Alessandro VI, la descrizione della vita di corte, e concludersi con le scenografiche sezioni dedicate a Cesare Borgia “il Valentino” e alla “seducente” Lucrezia Borgia.

L’allestimento, curato in ogni minimo dettaglio, ha puntato essenzialmente sull’effetto scenografico: moda che percorre le ultime mostre, forse discutibile, ma sicuramente di grande risultato e di notevole capacità di mantenere alta l’attenzione. Sale rivestite dalla sublimazione di Bosch o di Rubens ove, in appositi tagli, sono collocate i quadri o le sculture o le teche che accolgono oggetti della quotidianità (carte geografiche, progetti architettonici, terrecotte, veleni, gioielli, manoscritti). I curatori e gli allestitori non sono riusciti però a non cadere, soprattutto nelle ultime due sezioni, nella trappola tesa dal fascino che suscita il mistero ed il mito. Mentre affatto discutibile è l’accurata ricerca storica ed il ben nutrito apparato didascalico, che diviene l’elemento irrinunciabile e insostituibile dell’intera esposizione, che in fondo rende un grosso contributo didattico al visitatore.





BORGIA – L’arte del potere
Fondazione Memmo - Palazzo Ruspoli
Via del Corso, 418 – Roma
(mappa)



Orari:
Domenica – Lunedì – Martedì – Mercoledì: dalle 9.30 alle 20.30
Giovedì – Venerdì – Sabato: dalle 9.30 alle 22.30


Biglietti:
Giorni Feriali: Intero 8 € - Ridotto: 6 €
Sabato, Domenica e Festivi: Biglietto Unico 8 €
On-Line: Tiket-One


Per Informazioni e Prenotazioni:
telefono 06.68.74.704 - Fax 06.68.33.674



Palazzo Ruspoli Home-Page



Voto 8.8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner