partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Enzo Jannacci
Ho visto un re
Happy Days for ever
Un telefilm entrato nella sfera del mito
Sesso Senza Amore
Sesso Senza Cuore
Belfagor
Regia di Claude Barma
L'Ottavo Nano
Scanner Tv commenta

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  15/12/2017 - 14:49

 

  home>tv > cult

Scanner - tv
 


Enzo Jannacci
Ho visto un re
5 puntate attraversano 50 anni musica su Rai Radio2
La sua storia, canzoni sghembe, monologhi stralunati e qualche perla in dialetto

 




                     di Giovanni Ballerini


Enzo Jannacci - Vengo anch’io - Rai Tre, 2011
Enzo Jannacci - Ho visto un re - Rai Radio2, 2012


Recentemente (lunedì 19 dicembre 2011) abbiamo seguito con interesse la doppia trasmissione televisiva che gli ha dedicato Rai Tre: lo Speciale di Che tempo che fa Vengo anch’io e un programma ripreso dalle Teche Rai “Ohei! Son qui!, Incontro con Enzo Jannacci “(un programma del 1965 di Luciano Bianciardi e Enrico Vaime), ora è la radio a programmare un omaggio in 5 puntate al mondo e all’arte di Enzo Jannacci. Lo realizza John Vignola, che da lunedì 6 a venerdì 10 febbraio 2012 presenta alle 19.50 su Radio2 "Ho visto un re, Enzo Jannacci". Vignola presta la voce al racconto di un’artista integro ed eclettico, un cantautore fuori da ogni schema, stravagante e generoso, tra i più grandi e amati del panorama italiano.

Ogni puntata è un capitolo di vita nel quale entrano ed escono, disordinati e rumorosi, gli aneddoti che vedono il grande Enzo protagonista con gli amici di sempre: Giorgio Gaber, Dario Fo’, Cochi e Renato, Beppe Viola, Paolo Rossi, Adriano Celentano. E’ assieme a loro che Jannacci crea qualcosa di geniale che lascia un’impronta sulla scena, non solo musicale e milanese. Enzo è un artista unico, un cantautore sensibile e irriverente, un artista di classe che ha rivoluzionato con il suo estro e la sua ironia il modo di fare canzone.

Forte del suo indiscusso eclettismo, l’irregolare e geniale Enzo attraversa almeno 50 anni di storia: dal rock ‘n’ roll dei Cinquanta al cabaret dei Sessanta, dalla canzone d’autore alla musica libera da schemi dei decenni successivi. Un indiscusso alfiere della creatività e un osservatore curioso e pungente della quotidianità, che entra nelle sue canzoni vista da altre prospettive.

John Vignola, in “Ho visto un re”, racconta la generosità dell’uomo e dell’artista, seleziona i brani piu’ celebri, monologhi stralunati e tormentoni. Poi regala qualche “perla” in dialetto, occasione ghiotta per i fan che possono scaricare i podcast al sito radio2.rai.it, collezionando, puntata dopo puntata, ricordi e rivelazioni, canzoni sghembe ma intramontabili. Emblema di quell’umorismo malinconico tipico di un irriducibile per vocazione. “Ho visto un re, Enzo Jannacci”, di e con John Vignola ha la regia di Andrea Cacciagrano. La trasmissione è a cura di Gerardo Panno e Lorenzo Lucidi.

E’ possibile collezionare le puntate di “Ho visto un re”, scaricando gratis i Podcast sul sito Radio2.rai.it

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner