Warning: mysql_connect() [function.mysql-connect]: Lost connection to MySQL server during query in /interview/castellit14.php on line 6
Intervista a Sergio Castellitto, protagonista de
partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   

Warning: mysql_db_query(): supplied argument is not a valid MySQL-Link resource in /include/menu2.php on line 15
query fallita



Warning: mysql_db_query(): supplied argument is not a valid MySQL-Link resource in /include/menu3_sotcat.php on line 9
query fallita

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  16/11/2018 - 07:02

 

  home>interview > cinema

Scanner - interview
 


Sergio Castellitto
Uno degli attori più versatili del cinema italiano
Il protagonista de

 

                      di Paolo Boschi



Warning: mysql_db_query(): supplied argument is not a valid MySQL-Link resource in /include/pallini.php on line 4

Warning: mysql_fetch_array(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in /include/pallini.php on line 5

In occasione dell'anteprima de L'ora di religione di Marco Bellocchio abbiamo incontrato il protagonista, Sergio Castellitto, uno degli attori italiani più versatili e più apprezzati all'estero. Castellitto, già interprete sul piccolo schermo della fiction su Padre Pio, ci ha raccontato la sua esperienza sul set ed il suo approccio ad un personaggio obiettivamente difficile.

Per Sergio Castellitto come è stato essere diretto per la prima volta da Bellocchio?
Ad esser precisi è stata la prima volta da attore protagonista ma non la prima in assoluto: infatti doppiai Lou Castel ne Gli occhi, la bocca.
Come si è rapportato con il protagonista, un personaggio complesso, sicuramente difficile?
Quando ho letto la sceneggiatura la prima volta io non ho capito, credo di non aver capito nulla della storia in sé, però l’esperienza mi ha insegnato che oltre alla comprensione esiste la percezione, e talvolta la percezione permette di non commettere degli errori: io ho avuto la fortuna in qualche misura di non fermarmi a quel non comprendere, perché sentivo che c’era un’anima che a me ancora non s’era rivelata dopo la prima lettura. Ma che sentivo. Inoltre ho avuto una ‘rivelazione’ importante: Marco Bellocchio nasce come pittore, io non lo sapevo e l’ho scoperto nel corso del film, e allora ho ritrovato nella prima lettura della sceneggiatura – gli attori in genere hanno la pretesa di volere il quadro finito del film, avendo chiaro l’inizio, lo svolgimento e la fine – come una sorta di tavolozza, di graffio, di bozza sul quale poi Bellocchio avrebbe inserito i colori, le armonie, le prospettive e così via. Se il personaggio sia facile o difficile non lo so: sicuramente è difficile fare le cose bene. Non è per complimentarmi con lui ma io raramente ho trovato un regista che suscitasse un tale entusiasmo nelle persone con le quali ha lavorato sul set. E, dato che fare un film non è soltanto fare delle riprese ma è anche un percorso umano – sono dieci-dodici settimane passate insieme –, allora la qualità di quelle giornate a lavorare insieme è un ricordo importante. Bellocchio ha detto che io ho dato suggerimenti, in realtà la cosa importante è che servono molta intelligenza ed autorità ‘reale’ a consentire una simile forma di democrazia sul set. In genere i registi non sono così disponibili: se lo può permettere solo chi veramente ha la sapienza della professione. Inoltre era da tanto tempo che non ritrovavo uno spirito anche studentesco: pur essendo il taglio della storia sostanzialmente drammatico, trovo che, come è stato scritto, il film sia una combinazione di dubbio ed entusiasmo. C’è molta energia nella storia, perché c’è energia in ogni personaggio che cerca di dire la verità.
Lei si aspettava tutte le polemiche che hanno accompagnato l’uscita de “L’ora di religione”?
Beh, certo, è evidente, poi in un contesto storico-politico delicatissimo come quello attuale... Però tengo a ribadire che questo non è un film contro il mondo cattolico, è un film sulle ipocrisie della società civile, sulle modalità con cui gestiamo le relazioni umane, su come costruiamo business intorno a qualunque cosa. Non è un film contro la religione in sé: in realtà c’è solo un personaggio di sacerdote che svolge il suo compito di cardinale, rivelando in certi momenti anche una grandissima umanità. Lo stesso protagonista, Ernesto, davanti a lui quasi cade in questa ipnosi emotiva, sentendo il bisogno emotivo di curvarsi parlando della propria vita, di se stesso, del rapporto con una madre che aveva un sorriso apparentemente affettivo e dolcissimo, ma forse anche involontariamente ‘micidiale’. Così il personaggio, passando in rassegna il suo percorso personale ritrova i vuoti della sua vita e si ritrova a fare i conti. Purtroppo si tende spesso ad appiattire il film sulla questione religiosa, ma il film è ricchissimo di altre tematiche: l’identità, il rapporto con il figlio (che significa come proteggerlo ed educarlo, come rispettare la sua libertà), il rapporto tra un uomo e una donna che si sono separati, l’innamoramento, l’amicizia ed il rapporto contrastato con la propria famiglia, l’arte (in questo film il protagonista al computer prende l’Altare della Patria e lo trasforma in qualcosa di completamente diverso). E’ un film pieno di idee e di immagini, a prescindere dalla tematica religiosa. Per quanto riguarda la bestemmia pronunciata da un personaggio, fonte di molte polemiche, voglio ricordare che Ermanno Olmi, la cui religiosità non è in discussione, con sensibilità l’ha avvertita come un grido di dolore. E si tratta proprio di questo.

Voto 7½ 

© Copyright 1995 - 2010 Scanner


Warning: mysql_close(): supplied argument is not a valid MySQL-Link resource in /interview/castellit14.php on line 232