partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  17/10/2017 - 16:59

 

  home>interview > tv

Scanner - interview
 


Pietro Genuardi
il cinico della soap
Protagonista a Cento Vetrine

 

                      di Sara Morandi


Come in tutte le storie, novelle, fiabe e persino soap opera, esistono i "buoni" che hanno continuamente a che fare con i "cattivi". Naturalmente, grazie ai loro scontri, si dà vita al racconto; dando un filo logico a tutte le vicende che accadono. Ma alcune volte, ci sono personaggi che all'inizio possono sembrare perfidi ma che alla fine si scoprono colorati di "bontà"… Uno di questi è proprio Ivan Bettini, ex direttore amministrativo di "Cento Vetrine", che sin dalle prime puntate era considerato uno dei personaggi più "tremendi" del cast. Furbo, ambizioso, egoista e bugiardo. Un uomo senza nessun pudore e con una gran sete di potere. Era sposato con Rosa Bianco, proprietaria di un negozio di profumeria all'interno del Centro commerciale, che successivamente lascerà non considerandola alla sua altezza. Innamorato pazzo di Anita, Ivan, la ricatta più volte, essendo a conoscenza del suo segreto: Elena era la figlia di Ettore. Anita sapendo di perdere l'affetto del padre e la posizione lavorativa che aveva acquisito all'interno del centro commerciale, decide di tenere tutto per sé confidando questa notizia soltanto al suo collega d'ufficio.

Ivan non si farà scrupoli nel chiedere ad Anita calorose notti d'amore con lui, perché se la signorina Ferri non avesse accettato, Bettini avrebbe spifferato tutto ad Ettore, il quale, non avrebbe mai perdonato la figlia di avergli tenuto nascosto la verità sulla paternità di Elena.

Ivan non sopporterà la relazione sentimentale che Anita più tardi instaurerà con suo nipote Federico, che sfortunatamente si concluderà per una bugia della bella Ferri (terrà nascosto a Federico il fatto di aver riacquistato la vista. A svelare tutto al futuro sposo, sarà proprio Elena, sorellastra di Anita).

Ivan si travestirà da barbone, per sviare le indagini della polizia che erano nelle tracce dell'aggressore di Anita; quest'ultima era stata spinta accidentalmente da Marina e ciò le aveva fatto perdere l'uso della vista.

Il giovane Bettini, successivamente, si alleerà con Anita e Marina per distruggere l'impero economico di Ettore, ma i piani salteranno, poiché Ettore è un uomo troppo scaltro ed astuto per farsi "fregare" da un trio di dilettanti.

Via scorrendo con il tempo, Ivan capirà di aver sbagliato e cercherà di restaurare un rapporto di complicità con Ettore. Deciderà di aiutarlo a ristabilire un rapporto con la figlia Anita. Ivan e la giovane Ferri, vivono insieme, poiché Anita, dopo aver litigato con il padre, deciderà di trasferirsi in casa Bettini. Il ruolo di Ivan, adesso, è quello di "tramite" tra Ettore ed Anita. L'accordo è di passargli tutte le informazioni necessarie e tutte le mosse che Anita studia contro il padre. Ivan ed Ettore adesso sono una squadra. Il loro obbiettivo? Riportare Anita a "Cento Vetrine" e combattere la bella e famigerata Marina Kroeger, innamorata dell'industriale, che Ettore sposerà soltanto per interesse.

L'attore che interpreta il caparbio Ivan Bettini è Pietro Genaurdi, attore bravissimo, molto bello e intrigante. Nato a Milano, il 26 maggio del 1962, ha studiato recitazione al Piccolo Teatro di Milano. I suoi lavori teatrali: "Risveglio di Primavera" per la regia di Navello, "Trachinie" diretto da Massimo Castri, "Le intellettuali" di Solari, "Pazzo d'amore" di Leonetti, "Romeo e Giulietta" e "Antigone" di Panici. E' stato inoltre, il coprotagonista di "Crack", diretto in teatro da Giulio Base e nella trasposizione cinematografica da Claudio Bonivento (il film ha partecipato al Festival di Venezia ed è stato premiato come Miglior Opera Prima al Festival di San Sebastian). Altri film: "Italia-Germania 4-3" di Barzini, "Il bambino e il poliziotto" di Carlo Verdone, "In nome del popolo sovrano" di Magni e Facciamo fiesta" e "Naja" di Longoni. In tv ha fatto parte del cast di "La famiglia Ricordi" di Bolognini, "L'ispettore anticrimine" di Fondato Scomparsi" di Claudio Bonivento, "Un posto al sole", "Vivere", "Tequila & Bonetti" e "Turbo".

Pietro è un attore di grandi qualità e con una grossa esperienza alle spalle, quindi è stato piacevole conversare con lui, intervistandolo. Ci ha parlato di sé e del suo personaggio, Ivan Bettini.

Ringraziamo per la gentile collaborazione e gentilezza, Valeria, la Web Master del sito internet di Pietro Genuardi: http://digilander.libero.it/pietrogenuardi/.

Cosa fai quando non interpreti il personaggio di Ivan Bettini
Sono padre di un bambino di 11 anni, che vedo poco perché vive a Catania. Quando sono libero dal lavoro passo tutto il mio tempo con lui.
C'è del buono in Ivan Bettini, nonostante sia dipinto come uno dei "personaggi più perfidi" della soap?
Assolutamente s^. Lo dimostra nel suo rapporto con Anita, che ama e cerca di proteggere. Non credo che esistano i "cattivi cattivi", anche loro hanno una parte buona.
Quale sarà la tua prossima soap?
Fino al 2003 lavorerò con "Cento Vetrine" poi non so cosa farò…
Com'è Pietro Genuardi in amore e … Ivan Bettini...
Non siamo molto diversi, siamo entrambi passionali.
C'è qualche attore con il quale vorresti lavorare?
Una marea di gente, ma in assoluto con Giancarlo Giannini.
Se dovessi sedurre una donna, della quale sei molto innamorato, quali armi sfoggeresti per conquistarla?
Nessuna, non esistono strategie in amore, quando conosci una persona e scopri che ti completa, stai bene e la ami con tutto te stesso.
Quali sono le qualità di una persona che apprezzi di più e quelle invece no...
Le qualità che apprezzo sono la sincerità e il disinteresse, mentre quella che non sopporto è la falsità.

Voto 7 

© Copyright 1995 - 2010 Scanner